sabato 26 aprile 2008

Magdeburg, La Furia - Alan D. Altieri (La trilogia di Magdeburg #2)


 

I Contenuti

Con il volume centrale della trilogia ambientata nella Guerra dei Trent'anni, la fine di un'epoca diventa un affresco ancora più gotico, ancora più incombente. Tra disperate lotte per la sopravvivenza e scontri tra sanguinari sterminatori, tra rivelazioni della tragedia passata e profezie dell'Armageddon a venire, il fato di Magdeburg, la possente città ribelle sul fiume Elba, viene suggellato da crudeli giochi di potere destinati a divorare ogni cosa. E ogni uomo.


La Recensione

Capitolo centrale della trilogia di Magdeburg, volume molto corposo con le sue 850 pagine; se nel primo abbiamo conosciuto i personaggi, in questo entriamo nella storia vera e propria con tutte le sue biforcazioni e sfaccettature. I personaggi si approfondiscono, la storia si infittisce. Mi è piaciuto anche questo secondo volume e credo che il terzo non sia da meno, ormai sono pronto per la cavalcata finale verso l'epilogo che sarà sicuramente gotico, devastante, apocalittico come nello stile di Altieri che rende la speranza vana, la gioia disperazione, il tutto in uno sfondo nero colorato dal rosso del sangue. Devo dire che questa trilogia mi ha preso parecchio. Un basso Medioevo che più fosco non si può immaginare.

Rispetto al primo risulta un po’ più lenta la lettura, ma questo serve per chiarire tutte le dinamiche e i personaggi della saga. La narrazione si focalizza decisamente verso la parte più "belligerante" della storia e vede protagonista indiscusso Wulfgar che tuttavia, diventa sempre più misterioso per quanto riguarda la sua vera identità e sui suoi presunti legami con il principe Von Dekken. Adrenalinico il finale e la preparazione a quella che diverrà la battaglia finale di Magdeburg.

In attesa del terzo e conclusivo romanzo. Per avere un'idea della storia e una migliore comprensione della trama, vi invito a leggere la mia recensione sul primo capitolo di questa trilogia "Magdeburg, L'Eretico".


Voto: 4/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento