venerdì 9 maggio 2008

Bambino 44 - Tom Rob Smith (Leo Demidov #1)


 

I Contenuti

Unione Sovietica, 1953. Il regime di Stalin è al vertice, con l'entusiastica collaborazione del Ministero della Sicurezza e dell'MGB (precursore del nefando KGB), l'organismo di polizia segreta la cui brutalità e la continua pratica di torture non sono un segreto. La popolazione è costretta a credere che il crimine è stato debellato in tutto il paese, che tutti sono felici e che il governo rappresenta il punto di riferimento e di ispirazione morale per ogni cittadino modello. Quando tuttavia il cadavere di un ragazzino viene ritrovato sui binari di un treno, l'ufficiale dell'MGB Leo Demidov si sorprende che i genitori del piccolo morto siano convinti si tratti di omicidio. I superiori di Leo gli ordinano di non indagare né su questa morte né sulle altre che seguiranno. Leo obbedisce, anche se sospetta che qualcuno di molto importante possa essere implicato. Smetterà di obbedire nel momento in cui alla giovane moglie Raisa arriveranno minacce affinchè diventi lei stessa garante e spia dell'operato di Leo. Da agente inquisitore allineato con i diktat governativi, Leo diventerà un nemico pubblico da snidare, inquisire e sicuramente eliminare. Costretti a fingere di non amarsi per non nuocersi a vicenda, Leo e Raisa, dovranno proteggersi dal nemico ufficiale e potentissimo, e dai tanti nell'ombra di cui ignorano l'identità.


La Recensione

Nell'unione sovietica di Stalin, il crimine non può esistere. Dunque non può esserci anche un distretto di polizia che se ne occupa; i delitti semplicemente non avvengono. Ora però dei bambini cominciano a morire. Contro le istituzioni in cui ha sempre creduto e difeso e che lo hanno trasformato come uomo, Leo decide lo stesso di investigare contro tutti, anche con chi gli sta vicino.

Una bellissima sorpresa questo libro di Tom Rob Smith, un grande esordio da cui sarà tratto un film che sperò colga appieno tutte le sfumature di questo romanzo, che non è solo thriller ma anche una ricostruzione storica dettagliata degli avvenimenti e della vita nella Russia degli anni 50 a cavallo della morte di Stalin e dei suoi anni di terrore.

La narrazione è vibrante, veloce, tesa e con vari colpi di scena che accompagnano il lettore per tutta la storia.

Un bellissimo romanzo che mette a nudo le anime degli uomini costretti a "sopravvivere" in determinate situazioni. Rende bene l'asfissia del Pensiero di Stato. Bella la storia, bella l'ambientazione. Personaggi solidi e ben costruiti, risulta particolarmente sorprendente che si tratti di un'opera prima. Colpisce l'ingegnoso colpo di scena finale.

Lo consiglio caldamente a tutti e per quanto mi riguarda non resta che attendere il prossimo.


Voto: 4/5
 

    martedì 6 maggio 2008

    Vademecum sicurezza sul Lavoro - AA.VV.


    10414784

     

    I Contenuti

    Raffronto con la precedente disciplina e sintesi delle principali novità del Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro

    Questo volume, che inaugura la Collana Quaderni Giuridici, nasce in un momento importante per la storia della sicurezza sul lavoro: l’introduzione, tramite il D. Lgs. 81/2008 (pubblicato sul supplemento ordinario 108/L alla Gazzetta Ufficiale n. 101 del 30 aprile 2008),della nuova normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
    Atteso da più di trent’anni, il nuovo testo di legge rappresenta sicuramente un importante passo in avanti nel contrasto del fenomeno, purtroppo sempre più rilevante, delle “morti bianche”. Il presente documento si propone di fornire una breve sintesi dei contenuti del decreto, liberamente tratta dalla relazione illustrativa del provvedimento predisposta dal governo, sottolineandone in grassetto le principali novità nel testo di legge, e, tramite un puntuale raffronto con la precedente disciplina contenuta nel D. Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, evidenziarne le differenze. Un preciso raffronto è stato inoltre ritenuto opportuno rispetto al precedente D. Lgs. 14 agosto 1996 n. 494 e la nuova disciplina del Titolo IV (“Cantieri temporanei e mobili”). In conclusione, il “Glossario delle novità” con le definizioni sintetiche della nuova terminologia introdotta dal Testo Unico e le “Tavole riassuntive” degli obblighi e delle relative sanzioni, del nuovo sistema istituzionale, e degli obblighi formativi. Composto da trecentosei articoli suddivisi in tredici titoli, di cui il primo generale e gli altri specifici per le varie tipologie e ambiti di rischio, e cinquantuno allegati, il nuovo decreto, in una logica “sistemica”, ha preso in considerazione globalmente tutti i fattori della produzione interagenti tra di loro, considerando quindi tutti gli elementi che caratterizzano la salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i tipi di attività, ivi compresi i cantieri (di N. Sapia).

    La Recensione

    Libro acquistato durante un corso per la sicurezza sul lavoro, utile compendio per avere sempre sotto mano la legge 81/08, con anche delle sezioni di spiegazioni e di schede utili per il lavoro. Fatto molto bene, completo, con tanto di spazio per prendere annotazioni.


    Voto: 4/5

      lunedì 5 maggio 2008

      Magdeburg, Il Demone - Alan D. Altieri (La trilogia di Magdeburg #3)


       

      I Contenuti

      Nazione germanica, Anno Domini 1631. L'illusione della pace svanisce con le nevi dell'inverno. Una primavera improvvisa e cruda tramuta la terra tedesca in una desolazione desertica. Venti torridi flagellano vallate e altopiani. Orde di corvi sono in attesa del banchetto a venire. Non dovranno attendere a lungo. La guerra eterna torna a esplodere. Magdeburg, città del destino e della dannazione, è nuovamente sull'orlo dell'abisso. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia, ma ancora prive dell'appoggio militare dei principi germanici contrari all'assolutismo asburgico. In feroce attacco, l'esercito dell'Impero cattolico, migliaia di uomini allo stremo a causa di stenti, pestilenze, diserzioni. Un esercito ridotto a una macabra torma barbarica. Da ambo le parti, dominano niente altro che desiderio di morte e voglia di strage. Reinhardt von Dekken, un tempo temuto, rispettato principe di Turingia, è ormai un reietto. Il suo declino tra i pari di Germania appare inarrestabile. Il suo disegno di potere assoluto è disgregato. Perfino la sua terra, troppo a lungo risparmiata dalla furia del conflitto, si trova ora sotto una minaccia incombente.


      La Recensione

      Finisce con questo terzo libro la trilogia di Magdeburg, che regala una piccola sorpresa nel finale, mentre l'altro sviluppo della trama è facilmente intuibile.

      Corposa trilogia questa che vanta all'incirca un 1700 pagine (posso consigliarvi di leggere le mie due precedenti recensioni "L'eretico" e "La furia") che non sempre scorrono facilmente per via della scrittura molto particolareggiata di Altieri che usa tantissimi aggettivi ed espressioni particolarmente descrittive per tutta la durate dei tre romanzi.

      Malgrado questa scrittura che ad alcuni potrà far storcere il naso, la storia è meravigliosa ed i personaggi descritti davvero in tutte le loro sfaccettature e caratteristiche; anche quelli "minori" sono ben tratteggiati. L'aspetto che più mi è piaciuto in questa trilogia è l'ambientazione (la guerra dei Trent'Anni, ndr) che viene mirabilmente dipinta davanti agli occhi del lettore con tratti apocalittici, gotici, grotteschi e a volte decisamente "duri".

      La storia scorre e si dipana davvero meravigliosamente e ci porta piano piano verso l'ineluttabile finale. Altieri riesce come sempre a creare scenari apocalittici, tra massacri e violenze assortite, sullo sfondo appare dominante l'eroe solitario e i suoi comprimari.

      Mi sento però di consigliare la lettura ai solo appassionati dei romanzi storici o dei romanzi gotici, per via dei tantissimi riferimenti agli episodi e ai personaggi, realmente esistiti, fedelmente riportati della guerra dei Trent'Anni e per l'ambientazione cupa, crudele, nera.


      Voto: 4/5