domenica 6 luglio 2008

La vittima designata - Lee Child (Jack Reacher #7)


 

I Contenuti

Xavier Francis Quinn: un nome rimasto nella memoria di Jack Reacher sin daitempi in cui era maggiore della Polizia militare. Un criminale, un traditoredel suo paese e, soprattutto, un sadico assassino che ha ucciso barbaramenteuna collega di Jack che stava indagando su di lui ed era vicina a incastrarlo.Sono trascorsi dieci anni e, dopo una sparatoria di incredibile violenza,Reacher si trova, come sempre, nel posto sbagliato al momento sbagliato. Oforse no. Perché adesso Reacher è tornato a lavorare con l'FBI, convinto daSusan Duffy, un'affascinante e coraggiosa federale, a infiltrarsi in una bandadi trafficanti. L'obiettivo è cercare di salvare un'agente sotto coperturasparita da più di due settimane. Ma Reacher sa per certo che dietro tuttal'organizzazione c'è il suo nemico, Quinn, e vuole due cose sole: giustizia evendetta. Per ottenerle è disposto a giocare il tutto per tutto, anche la suastessa vita... Lee Child si conferma ancora una volta maestro del thrillerd'azione con un romanzo ad alto tasso di adrenalina e un eroe credibile erealistico anche nelle azioni più spericolate.


La Recensione

Dopo due libri evidentemente sotto tono, il penultimo "A prova di killer", ma soprattutto questo mi hanno fatto ricredere del mio pensiero che purtroppo Jack Reacher era diventato la macchietta di quello che era un tempo.

Per fortuna in questo romanzo ritroviamo la sua figura "tutta azione", il suo senso investigativo e quelle freddure alla Reacher che mi piacevano così tanto nei suoi primi romanzi. Insomma un ritorno a quel misto di azione pura e "caso da risolvere" che hanno decretato un così grande successo di questi libri poco impegnati è vero, ma ad "alto contenuto di divertimento e di adrenalina".

Ho scoperto recentemente poi che sono moltissimi i fan di Jack Reacher e che i libri con lui protagonista vendono davvero molto. Credevo che fosse questo genere, quello dell'action-thriller, per lo più snobbato dagli altri lettori.


Voto:  2/5

    Nessun commento:

    Posta un commento