martedì 26 agosto 2008

Cassandra Compact - Robert Ludlum, Philip Shelby (Covert-One #2)


 

I Contenuti

Il colonnello Jonathan Smith, medico ricercatore, è a Venezia per una missione segreta, ma il partner russo con cui deve incontrarsi viene ucciso al momento dell'incontro. Prima di morire però dà a Smith un'informazione agghiacciante: qualcuno (qualcuno molto, molto potente) sta per far uscire dalla Russia un campione di virus del vaiolo. E' un virus micidiale che può scatenare un'epidemia di proporzioni catastrofiche. Inizia, in tutto il mondo, la lotta contro il tempo... Un romanzo che denuncia i rischi e le paure che possono colpire tutto il mondo: un complotto mondiale perfettamente organizzato che sembra addirittura più vero della realtà.


La Recensione

E' certo, ne sono sicurissimo, si sta rivoltando e girando all'infinito nella sua tomba. Povero Ludlum, poveri quegli scrittori che vengono riportati in vita sulle copertine dei libri per far vendere di più, per riportare sulla carta filoni narrativi

Se ha potuto leggere il suo nome sulla copertina di questo insulso libro non ne può fare a meno. Uno che ha scritto la "trilogia di Bourne" o "Aquitania", solo per citarne due a caso della sua sterminata e vasta vita da scrittore non può avere scritto una cosa del genere e infatti il vero autore è questo mediocre Philby che ha avuto probabilmente il compito gigantesco e improbo di ricreare il mondo di "Covert-One" dopo la morte di Ludlum.

Questo "libro" è un accozzaglia di stereotipi senza senso, personaggi che definire macchiette è riduttivo, una storia che è scritta con i piedi. Se avessi un cane potrei dire che lui scriverebbe di meglio.

Ora ho il sano terrore di leggere gli altri libri che avevo acquistato dopo la morte dell'autore ed usciti postumi arrangiati da altri. Ho ancora i brividi a ripensare a questa storia... finito tappandomi il naso.

Altamente pericoloso per la salute mentale.


Voto:  1/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento