venerdì 22 agosto 2008

Jurassic Park - Michael Crichton (Jurassic Park #1)


 

I Contenuti

In un'isola sperduta al largo del Costa Rica, il miliardario Hammond costruisce un gigantesco parco di attrazioni biologiche. Grazie all'ingegneria genetica, nel suo Jurassic Park rivivrà un intero ecosistema, compresi i terribili dinosauri carnivori: il gigantesco Tyrannosaurus Rex e i famelici Velociraptor. L'incubo che dominerà il romanzo nasce dal profondo della preistoria e si proietta su un presente dominato dalle arroganti certezze della scienza.


La Recensione

Credo che tutti praticamente abbiano visto il film, compreso me quando uscì al cinema. Decisamente un libro che è diventato film e ha smesso di essere libro.

La trama è notissima: il progetto ambizioso dell'imprenditore Jhon Hammond che costruisce un enorme attrazione turistica, tra lo zoo e il parco di divertimenti, su un isola del Costa Rica. Attrazione del parco sono creature provenienti dal passato e riportate in vita con moderne tecniche di ingegneria genetica: i dinosauri. Come anteprima verrà organizzata una visita a cui prendono parte una serie di personaggi.

Ho trovato questa edizione ormai ingiallita e mezza decrepita con il prezzo ancora in lire (bei tempi) in un'edicola in vacanza e ho fatto posto nelle mie letture perchè mi sembrava un romanzo tipicamente estivo, non so perchè.

Devo dire che a dispetto delle aspettative abbastanza basse ho trovato il libro davvero gradevole e godibile, e alla fine l'ho gradito molto di più rispetto al film: i personaggi molto meglio costruiti, così come la trama che è molto più complessa e ben costruita e congeniata.

Da notare gli schemi inseriti dal fisico "Ian Malcolm" chiamati "Iterazioni" che descrivono la complessità crescente della trama, che ovviamente nel film non sono stati affatto trasportati.

Insomma un libro divertente che è stata una piacevole sorpresa, soprattutto perchè letto con tutta tranquillità in un bosco verde in mezzo alla natura, decisamente un contesto adeguato.


Voto: 4/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento