mercoledì 11 novembre 2009

aNobii. Il tarlo della lettura - AA.VV., Barbara Sgarzi


 

I Contenuti

Il tarlo della lettura raccoglie il meglio del meglio di aNobii, il social network esclusivamente dedicato alla lettura: 600 recensioni scritte da 333 autori diversi; i cento libri più votati dagli utenti con le cinque recensioni più votate per ciascuno, e poi le playlist dei recensori, cento bonus track e tantissime «rotte per i naviganti» per attraversare questo libro in molti modi, viaggiando tra le pagine un po' come si naviga nel web. Per scoprire così autori nuovi o nuovi punti di vista su libri che conosciamo (o credevamo di conoscere) da una vita. Qui leggerete cose arbitrarie e urticanti, del tutto personali, talvolta folgoranti nella loro immediatezza: così è la vita, così sono i libri, e i Lettori. A proposito: troverete, soprattutto, cose che si capiscono, dette con una voce in cui il parlare è davvero "sì, sì, no, no", perché il di più, per gli aNobiani militanti, viene dal Maligno.

La Recensione

Poteva mancare il libro di aNobii ad un aNobiano DOC? Certo che no.

Per due ragioni semplicissime: la prima è che per una volta da lettore sono diventato scrittore (ci sono nove mie recensioni -sai Lode agli Dei-), ehi gente questo è il mio momento di Gloria, la seconda è che a parte tutto il libro è davvero fatto bene, soprattutto la parte grafica e i "percorsi di lettura" inclusi i Bonus Track. E non dimentichiamoci lo scopo umanitario del progetto.

Ho potuto ritrovare con un sorriso anche tanti amici aNobiani e ho potuto leggere le loro recensioni che magari mi erano sfuggite qui sul Web e tutto considerato io credo che noi Lettori dal Basso siamo i veri recensori dei libri, con buona pace di chi lo fa per lavoro.

L'unico forse piccolo neo, la piccola parte dei libri presenti nelle librerie dei recensori, prese molte volte come i primi presenti e dunque tanti "AA.VV." e negli altri casi poco danno idea delle vere librerie presenti su aNobii. Io credo che questo sia proprio un bel regalo di Natale, perchè trasmette il nostro amore per i libri, che alla fine di tutto è quello che ci fa palpitare il cuore... l'odore della carta, il sentimento che si prova quando stiamo per aprire la prima pagina del libro che abbiamo appena comperato e ci buttiamo in una nuova storia, in un nuovo viaggio e il libro che diventa traghettatore di mondi.

Speriamo in un "Tarlo 2", la vendetta.


Voto: 5/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento