sabato 21 novembre 2009

The dome - Stephen King


 

I Contenuti

È una tiepida mattina d'autunno a Chester's Mill, nel Maine, una mattina come tante altre. All'improvviso, una specie di cilindro trasparente cala sulla cittadina, tranciando in due tutto quello che si trova lungo il suo perimetro: cose, animali, persone. Come se dal cielo fosse scesa la lama di una ghigliottina invisibile. Gli aerei si schiantano contro la misteriosa, impenetrabile lastra di vetro ed esplodono in mille pezzi, l'intera area - con i suoi duemila abitanti - resta intrappolata all'interno, isolata dal resto del mondo. L'ex marine Dale Barbara, soprannominato Barbie, fa parte dell'intrepido gruppo di cittadini che vuole trovare una via di scampo prima che quella cosa che hanno chiamato la Cupola faccia fare a tutti loro una morte orribile. Al suo fianco, la proprietaria del giornale locale, un paramedico, una consigliera comunale e tre ragazzi coraggiosi. Nessuno all'esterno può aiutarli, la barriera è inaccessibile. Ma un'altra separazione, altrettanto invisibile e letale, si insinua come un gas velenoso nel microcosmo che la Cupola ha isolato: quella fra gli onesti e i malvagi. Tutti loro, buoni e cattivi, dovranno fare i conti con la Cupola stessa, un incubo da cui sembra impossibile salvarsi. Ormai il tempo rimasto è poco, anzi sta proprio finendo, come l'aria...

 

La Recensione

Quanto è stato pesante portare avanti la lettura, altro che imprigionamento da Cupola, qui si è trattato di imprigionamento da pagine!

Quanto deprimente era stare sotto questa dannata Cupola, ogni volta che dovevo riprendere in mano questo tomo mi sembrava di respirare la stessa feccia d'aria che si respirava a Chester's Mill, non ce la facevo più a trascinarmi avanti in questa trama. E dicevo: "o Dio mandami un po' di quelle anfetamine che si cuoceva lo Chef!"

Ogni volta per cercare di farmi coraggio mi dicevo: "questo libro è del Re", "è uno degli autori che più ti piacciono", "non puoi mollare" e avanti così; ma è stata una fatica davvero da giganti portarlo a termine. L'unico aspetto che davvero mi è piaciuto è stato il riferimento in un paio di paginette a Jack Reacher, protagonista dei libri di Lee Child, dove King lo fa comparire come autore di una telefonata per "raccomandare" una persona a Chester's Mill. E questo la dice lunga su quanto di bello c'è all'interno del libro.

Mentre proseguivo con la lettura pensavo: "qui sì che vi vorrebbe uno come Reacher, non questo stoccafisso di Baaaaarbie Barbara". Lento, lento e stagnante, si salvava a sprazzi come il comparire del sole in una giornata nebbiosa, solo che si capiva che stavamo a Novembre e il sole non è che appare poi tanto in questa stagione. E poi luoghi e nomi e altri nomi e altri luoghi, sì abbiamo capito che ti piace scrivere di comunità in difficoltà, ma ti prego risparmiaci un po' mio Buon Re, o almeno fai sì che il tutto scorra un po' più velocemente perchè qui si sta ad annaspare come i tuoi protagonisti... e poi il finale... miei Dei il finale... pietà vi prego esseri che giocate con la Cupola.

Forse se da un libro da mille pagine ne fosse uscito uno da trecento, molti di noi avremmo gradito infinitamente e ci saremmo messi a cantarne le lodi. E non perchè non gradisco i libri corposi (cioè ridatemi "L'Ombra dello Scorpione" e tutta la "Saga di Roland"), ma perchè proprio potevi tagliare a man bassa la maggior parte dei capitoli.

Mio Buon Re, quando mi ridarai un libro come "Pet Semetary"? Con affetto, un Tuo Fedele Lettore.

Read from November 10 to 21, 2009

Voto:  didn't like it (my current rating) it was ok liked it really liked it it was amazing

Dettagli del libro
  • Titolo: The dome
  • Titolo originale: The dome
  • Autore: Stephen King
  • Traduttore:
  • Editore:  Sperling & Kupfer
  • Data di Pubblicazione: 2009
  • Collana: -
  • Formato: Brossura
  • ISBN: 8820047667
  • ISBN-13: 9788820047665
  • Pagine: 1037
  • Prezzo: 23,90 Euro
  • Link Goodreads: The dome
 

    Nessun commento:

    Posta un commento