venerdì 19 febbraio 2010

Cento sonetti d'amore - Pablo Neruda


 

I Contenuti

"I Cento sonetti d'amore" rappresentano lo sviluppo, in forme di accentuata originalità e autonomia, di un motivo che viene di lontano. Il filone da cui scaturisce quest'opera affonda non solo in Stravagario, ma anche e soprattutto nei Versi del Capitano, documento di un'epoca turbolenta in cui l'amore si manifesta in raffiche improvvise, appare dominato da accese note di passione, insidiato da furori e gelosie, agitato da rinunce e ritorni, da condanne e proteste disperate, fino alla definitiva affermazione. Matilde equivale, per Neruda, alla terra; il bacio dato alla donna rappresenta l'unione con il mondo. Per il poeta l'amore è elemento che ravviva il mondo, miracolo che si verifica attraverso la presenza della donna.Testo spagnolo a fronte.

La Recensione

Neruda è l'autore di poesie che amo non solo più di chiunque altro, ma che arrivo ad idolatrare, quando leggo (e rileggo e rileggo e ancora rileggo) i suoi versi. Fin da ragazzino tenevo sempre un suo libro, che avevo rubato dalla libreria di mia madre, come fonte di ispirazione e di sospiri sognanti, per le lettere d'amore che quando si è giovani tutti scriviamo al/la proprio/a amato/a. Facile farsi breccia nei cuori altrui usando ispirazioni come queste. Neruda fa dell'amore quello che l'amore stesso fa a tutti noi. Ci prende in un vortice d'emozione e di parole così calde da incenerirci il cuore e l'anima; certi versi scavano così profondamente in noi che i nostri occhi ne rimangano quasi feriti e il cuore sobbalza ad ogni fine di verso e rimaniamo in attesa di quel sospiro sognate che chiude la poesia. Alcune poesie sono capolavori che trasudano amore in ogni parola e che tinteggiano nella nostra mente le immagini che i versi stessi scrivono... "O la croce nera di una nave. Solo. A volte albeggio, ed è umida persino la mia anima. Suona, risuona il mare lontano. Questo è un porto. Qui ti amo."... "A volte, come una moneta mi si accendeva un pezzo di sole tra le mani."... "Saprai che non t'amo e che t'amo perché la vita è in due maniere, la parola è un'ala del silenzio, il fuoco ha una metà di freddo." Questi versi sono per me, l'apoteosi dell'amore fatta poesia.


Voto: 5/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento