domenica 7 novembre 2010

Soffocare - Chuck Palahniuk


 

I Contenuti

Victor Mancini, studente di medicina fallito, ha architettato un fantasioso sistema per pagare le spese ospedaliere della vecchia madre: ogni giorno sceglie un ristorante diverso, ci va a cena con un amico e, nel bel mezzo della serata, finge di rischiare il soffocamento per colpa di un boccone andato di traverso. Immancabilmente qualcuno si lancia a salvarlo, e immancabilmente questo qualcuno esce "trasformato" dall'esperienza e diventa una sorta di padre adottivo del protagonista. Al punto che in occasione dell'anniversario dell'incidente gli invia dei soldi. Dopo anni di questa attivita Victor si trova a ricevere quasi ogni giorno un gruzzolo da persone di cui ormai non ricorda nulla ma che gli sono grate per aver dato un senso alle loro vite.

La Recensione

E' molto difficile scrivere una recensione di questo libro, specialmente se fatta da chi legge per passione e non per lavoro e non ha certo le basi, ne le conoscenze per approfondire in maniera corretta autori come questo.
E' difficile perchè questo libro sembra un cubo di Rubrick, basta spostare qualche tassello e hai una faccia completamente diversa davanti agli occhi, è labirintico e profondo è superficiale e dissacrante, è grottesco, ilare e drammatico, è una storia inventata ma reale fino all’inverosimile.
Quello che sicuramente è: originale. Finita la lettura senti di aver bevuto dell’acqua fresca che ha un sapore del tutto nuovo, credo che non sia possibile paragonare l’autore e i suoi libri ad altri.
E’ volgare, in molte parti, com’è volgare la realtà  che ci circonda, è demenziale in molti dei suoi personaggi il colpo di scena nel finale poi è geniale.
E’ cinico e divertente, forse uno specchio deformante per guardare quello che ci circonda con occhi diversi.
Credo che valga la pena leggerlo, solo per il fatto che porta al lettore un metodo di scrittura e delle idee così originali che fino ad ora non avevo mai incontrato e solo per questo vale la pena di spendere i nostri euro, e se alla fine non ci sarà  piaciuto almeno potremo dire di aver letto qualcosa che va al di là  di tutto e sicuramente delle nostre letture abituali.
Intelligente. Non è la parola esatta... ma rende l'idea.



Voto: 5/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento