giovedì 17 febbraio 2011

Primo comando - Patrick O'Brian (Aubrey/Maturin #1)


 

I Contenuti

Essere al comando di un veliero, dare la caccia alle navi nemiche nel Mediterraneo o in pieno Atlantico, vivere in prima persona arrembaggi e duelli: questi sono i sogni di Jack Aubrey, uomo di mare temerario e irruente, fedele suddito di Sua Maestà Britannica e capitano di corvetta fresco di nomina. E se la 'Sophie'- la sua prima nave, il suo 'primo comando' - non brilla ancora di particolare gloria, Aubrey è deciso a trasformarla in una nave modello, orgoglio della Royal Navy e spauracchio dei nemici a tutte le latitudini. Ma la dura vita di bordo gli riserverà grosse sorprese...
Avvincente e serrato nell'intreccio, straordinariamente documentato nella ricostruzione storica e meticolosamente preciso nella descrizione della vita manieristica del XIX secolo: "Primo comando" è uno dei migliori romanzi storici di avventure sui mari che siano mai stati scritti
.

   

La Recensione

Da tempo avevo in libreria i primi due volumi di questa serie che se non sbaglio conta adesso 21 volumi; recentemente approfittando anche degli sconti ne ho acquistati una buona parte a "scatola chiusa".
Devo dire che il libro è interessante e scorre abbastanza velocemente, di certo il lettore sprovveduto alle tecniche marinaresche all'inizio rimane molto spiazzato dalla girandola di nomi tecnici, manovre, gradi della marina del 1800. Per fortuna l'editore ha pensato bene di mettere un piccolo dizionarietto dei termini più usati e un disegno della corvetta con le postille a tutti i nomi di vele, di alberi e del sartiame. La continua consultazione di queste pagine ostacolo un po' la lettura del libro, ma è uno scotto che bisogna pagare se ci si vuole immedesimare nell'ambientazione giusta.
Dopo i primi capitoli un po' ostici per questi continui rimandi si comincia ad entrare nel vivo della storia e a conoscere i due personaggi principali che accompagneranno il fedele lettore per tutti i restanti venti libri; molto azzeccate le due figure principali, descritte amabilmente e a volte con ironia.
Essendo la prima avventura di questa lunga serie immagino che i personaggi verranno costruiti e presentati man mano, ma bisogna dire che la curiosità c’è e il lettore viene invogliato sicuramente al proseguo della lettura anche per i restanti.
Un punto sicuramente degno di nota è la ricostruzione storica, veramente eccelsa, e la descrizione delle manovre navali e delle battaglie, vero punto di forza del libro e immagino di tutta la serie.
Insomma un libro piacevole per ore di svago e un ottimo spunto per imparare molte cose sui termini marinareschi che sono arrivati intatti fino ad oggi e che spesso vengono usati in maniera errata. 



Voto: 3/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento