giovedì 4 agosto 2011

La morte sospesa - Joe Simpson


 

I Contenuti

Nel giugno 1985 due alpinisti britannici, Joe Simpson e Simon Yates, raggiungono la vetta del Siula Grande (6536 m), nelle Ande peruviane, scalando per la prima volta la parete Ovest. Durante la discesa Joe subisce un grave incidente e dopo numerosi tentativi di soccorrerlo Simon rinuncia e ritorna al campo, distrutto dal rimorso e convinto di aver condannato l’amico a morte certa. Ma con incredibile forza Joe deciderà di non arrendersi e di riemergere alla vita.  
 

La Recensione

Libro che si legge molto velocemente e che tiene il lettore incollato alle pagine, senza mai stancare. Storia vera di una tragedia in montagna, a lieto fine questa volta, ma le vette non sempre perdonano e gli alpinisti morti che inseguono il sogno della scalata impossibile e perfetta sono centinaia.
Libro non solo destinato agli amanti del genere ma estendibile a tutti quelli che inseguono a loro volta un sogno, che si scalare una vetta sopra i 6.000 o sprofondare negli abissi marini, poco importa; questa è la storia coraggiosa di uomini che si mettono alla prova sia mentalmente che fisicamente, che vanno al di là dei limiti umani e non sempre riescono a tornare indietro.
Veramente ben scritto, bella l'idea di dividere ad un certo punto del libro i pensieri dei due protagonisti, rendendoci così partecipi delle sensazioni di questi due alpinisti che si troveranno ad affrontare immani peripezie per riuscire a coronare il loro sogno di scalare la parete ovest del Siula Grande sulle Ande peruviane.
Di sicuro un libro imprendibile per gli amanti del genere, la storia di Joe e Simon entra direttamente nel cuore senza passare dal cervello e ci troveremo molto spesso a stringere forte le pagine negli attimi di terrore che questo libro scritto dal sopravvissuto Joe rende con così alta maestria.
Malgrado tutto l'uomo si ritroverà sempre a tentare l'impossibile, ad andare oltre il limite, caparbiamente e tenacemente, finche il sogno non sarà raggiunto



Voto: 4/5

Nessun commento:

Posta un commento