venerdì 30 dicembre 2011

Il condominio - J.G. Ballard


 

I Contenuti

Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in grado di garantire l'isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli da loro stessi. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e con mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un'intera classe sociale emergente. Viene a mancare l'elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a istinti primordiali e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale anche di gerarchia sociale, si trasforma in un incubo.

La Recensione

Appena finita la lettura di questo libro e durante le ultime pagine di lettura, volevo concretamente stroncarlo, poi ho cominciato a rifletterci e ho aspettato un poco a scriverne la recensione.

Decisamente questo è un libro da ponderare, far decantare per capirne tutte le sfumature e gli aspetti sociali e psicologici; è sicuramente una lettura difficile e pesante da affrontare a dispetto delle poche pagine da cui è composto.

Piccoli litigi e lamentele in un condominio ultramoderno, contenente duemila persone del tutto indipendente (al suo interno supermarket, piscine, zone ricreative) che si presta facilmente alla rappresentazione dell’intera società, si trasformano velocemente in atti di attacco e guerriglia verso gruppi-clan dei piani differenti all’avvenire dei primi guasti strutturali; presto il grattacielo si ritrova in una brutale società tribale dove di notte tutto è permesso: pulsioni sessuali perverse, lotte, pestaggi, devastazioni e saccheggi ai danni dei “piani nemici”.

Scritto negli anni settanta dove l’alienazione dell’individuo è argomento scottante, si trova un’analisi della mente contorta e perversa dell’uomo, che ambisce alla scalata sociale attraverso il manifestarsi delle sue peggiori pulsioni, fino ad arrivare ad una forma di vita primitiva.

Libro di sicuro impatto, ma a volte ripetitivo e lento, che non consente una lettura semplice perché troppo visionario ed eccessivo in alcune parti, ma non posso che ricredermi sulle mie impressioni di primo impatto; anche se non posso dare una valutazione del tutto positiva per via di quello detto sopra, non posso certo non sottolineare come la lettura debba essere affrontata in ogni caso, per lo meno per leggere qualcosa di molto particolare.



Voto: 3/5
 

    Nessun commento:

    Posta un commento