domenica 22 gennaio 2012

Nei giorni di luce perfetta - Fernando Pessoa


 

I Contenuti

La meraviglia del continente Pessoa è questa: dar vita a coscienze che sentono in autonomia e si influenzano a vicenda in un coro rivolto alle cose. Ognuno di loro è Fernando Pessoa e nessuno di loro lo è: "Quanto a me, ringrazio di avere occhi solo per vedere, / io vedo assenza di significato in tutte le cose; lo vedo e mi amo, perchè essere una cosa è non significare". La sottrazione è l'unico gesto che si avvera nella realtà e nella poesia, sentire senza disturbare, e riportare con l'immaginazione.

La Recensione

Quarto appuntamento con la nuova raccolta del Corriere della Sera "Un secolo di poesia".

Devo dire che rispetto agli ultimi due numeri che non mi sono piaciuti, questo con protagonista il poeta Fernando Pessoa, mi è davvero piaciuto tantissimo. Una scoperta davvero piacevole, soprattutto per la peculiarità dei suoi scritti utilizzando dei poeti fittizi in una sorta di "schizofrenia poetica", che gli consentiva di triplicare la sua produzione diversificandola nei temi, nei modi, nelle caratteristiche.

Devo dire che comunque le poesie che più ho apprezzato sono le stesse firmate con il nome vero del poeta e cito: "Abdicazione", "Rubaiyat", "Dopo la fiera".

Sono sempre più entusiasta di questa raccolta, anche se i precedenti due numeri non mi avevano particolarmente convinto, ma la poesia è davvero soggettiva, più di qualsiasi altro romanzo.

Pessoa entra davvero di prepotenza tra i miei poeti preferiti, sono davvero ansioso di scoprire nuovi orizzonti poetici con le prossime uscite di questa raccolta che consiglio davvero a tutti.


Voto: 4/5 
 

    Nessun commento:

    Posta un commento