domenica 21 ottobre 2012

Poesie d'amore - Nâzim Hikmet




 

I Contenuti

Per Nazim Hikmet una poesia d'amore è un nucleo di emotività e di pensiero in cui occorre riuscire a fondere tutti gli aspetti della propria vita. Poeta d'amore e contemporaneamente poeta di battaglie, la forza dei suoi versi, lontanissima dai cliché del lirismo erotico, risiede proprio in un'inesausta partecipazione a tutto cià che accade nel mondo. E' così che in un dettato poetico unico, nato dall'incontro tra dolcezza orientale e moderna asprezza dei ritmi occidentali, due culture e due modi di vivere si uniscono, in poesie che sono sintesi magnifica di due facce, quella lirica e quella epica, della personalità di Hikmet.


La Recensione

Numero ventinove, dedicato a Hikmet: è stato un poeta, drammaturgo e scrittore turco naturalizzato polacco. Definito "comunista romantico" o "rivoluzionario romantico", è considerato uno dei più importanti poeti turchi dell'epoca moderna. Continua così, questa bellissima iniziativa del Corriere della Sera, che porta un secolo di poesia nelle nostre case con le grandi voci del Novecento in una collezione di antologie inedite, con ricchi apparati e nuove introduzioni. Un appassionato racconto del mondo attraverso i versi dei più grandi poeti italiani e stranieri. 

Hickmet, ebbe vita travagliata, subì il carcere e l'esilio, fervente comunista viaggiò molto ma soprattutto amò molto, si sposò quattro volte e comunque ebbe molti amori. È ricordato principalmente per il suo capolavoro, la raccolta "Poesie d'amore", che testimonia il suo grande impegno sociale e il suo profondo sentimento poetico.

I poeti che cantano dell'amore mi piacciono tantissimo, la poesia è essa stessa amore secondo me, Hikmet non è ermetico, è di facile comprensione e le parole arrivano direttamente al cuore del lettore: 
« Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto. / I più belli dei nostri giorni / non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l'ho ancora detto » (Nazim Hikmet, Il più bello dei mari).

Questa raccolta è egregia e le poesie che più mi sono piaciute sono state: "Il più bello dei mari", "I giorni sono sempre più brevi", "I tuoi occhi, I tuoi occhi, I tuoi occhi", "La notte", "Nel cortile c'è neve fino al ginocchio", "Foglie morte", "Ti sei stancata di portare il mio peso", "La vita non è uno scherzo", "Il mio funerale".

Hikmet fa parte parte dei miei poeti preferiti e ribadisco ancora una volta la bellezza, anche editoriale e la cura di questa collana che è forse la più riuscita del Corriere, rimango sempre ansioso di scoprire nuovi orizzonti poetici con le prossime uscite che consiglio veramente a tutti. 


Voto: 4/5

    Nessun commento:

    Posta un commento