domenica 21 dicembre 2014

La peste - Albert Camus



 

I Contenuti

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi.


La Recensione

"La peste" è un romanzo dello scrittore francese Albert Camus del 1947. Appena pubblicata, l'opera riscosse un grande successo (oltre 160.000 copie vendute nei primi due anni), ottenendo tra l'altro il Prix de la Critique. La peste rientra nella produzione di Camus definita "ciclo dell'assurdo", che include anche un'altra celebre opera dello scrittore francese, "Lo straniero".

La città algerina di Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda: la peste. Dopo la chiusura delle porte si troverà isolata dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, diventerà una bolgia infernale un banco di prova per tutti gli animi umani. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda insieme ai personaggi quali il dottor Rieux, Tarrou e Rambert. Narratori con le loro vicende dell'inabissarsi di una città intera verso il fondo della ragione.

Camus, come gia' fatto nello "Straniero", mette in un mostra tutta la sua maestria nell'arte dello scrivere. Con un bisturi molto affilato seziona lo squallore, la disperazione e la rassegnazione, ma anche il valore e il coraggio dei singoli. La peste è il male che ci attanaglia, come epidemia nella nostra storia (come altre epidemie) e nell'esistenza di ognuno di noi: è il dolore che combattiamo ogni giorno, pur sapendo che ogni vittoria ottenuta non è mai completamente capace di debellarlo. 

In ogni caso, personalmente ho trovato questo romanzo inferiore a "Lo straniero", forse per via della scrittura più lenta, di un ritmo poco serrato che mi ha rallentato nella lettura, anche se sono rimasto anche questa volta profondamente affascinato dalla scrittura di Camus.



Voto: 3/5

    lunedì 1 dicembre 2014

    Dizionario bilingue italiano-gatto e gatto-italiano: 180 parole per imparare a parlare gatto correntemente - Jean Cuvelier, Gilles Bonotaux




     

    I Contenuti

    Oltre 9 milioni di gatti vivono nelle nostre case. Eppure spesso abbiamo difficoltà a stabilire una relazione con il nostro amico peloso, a capirlo e a farci capire. Nasce per questo il primo dizionario bilingue per gatti e per i loro conviventi umani. Vengono passati in rassegna e decodificati tutti i comportamenti e le situazioni della vita quotidiana "lato umano" e "lato gatto", attraverso oltre 180 parole-chiave classificate dalla A alla Z. Cosa ci vuole dire, come dobbiamo rivolgerci al nostro micio, come possiamo interpretare i comportamenti tra gatti. E tutte le norme che regolano una serena convivenza. Oltre a un centinaio di vignette spassose che illustrano in modo umoristico il rapporto tenero e a volte conflittuale tra noi e il gatto.


    La Recensione


    Ennesimo libro che leggo sui gatti, questo consigliatomi dalla mia veterinaria, ed ennesima ripetizione in ridondanza degli stessi concetti e consigli comuni a tutti questi libri.

    La mia idea dopo averne letti quattro è la seguente: limitatevi a comperarne uno, tipo Cats for Dummies, il migliore secondo me e poi imparate ad ossevare il vostro micio, interagite con lui e solo l'esperienza diretta della vostra vita vissuta insieme a lui potrà farvi da maestro per tutte le gioie e i problemi che affronterete insieme.

    Esistono anche, incredibile a dirsi, luoghi dove i libri non possono arrivare.


    Voto: 2/5